mercoledì 10 aprile 2013
Religione
Diamo ai cristiani del medio oriente una speranza nella loro terra
Un osservatorio sulla condizione dei cristiani in Medio Oriente per rompere la congiura del silenzio













La visita di Papa Benedetto XVI in Libano, aveva a suo tempo attirato i riflettori dell’attenzione internazionale sulla situazione dei cristiani che vivono nella  regione medio orientale, il cui numero si è ridotto considerevolmente in questi ultimi anni, ma l’impatto è durato poco . Certo uno dei fattori della diminuzione dei cristiani in questa parte del mondo è dato dal fatto che la radicalizzazione dei musulmani, guidata dalla proliferazione delle moschee wahabite, li ha resi incapaci di convivere con persone di altre  religioni. Tuttavia, sebbene sia vero che i cristiani subiscono discriminazioni in alcuni paesi musulmani, sono più spesso la violenza e le guerre, come oggi in Siria e in Iraq, e le crisi economiche, non l’oppressione, che li spingono a rimpolpare i ranghi della diaspora. E pur tuttavia il silenzio sulle loro condizioni  sui media occidentali è, per usare un facile ossimoro, assordante.


Ciò anche oggi mentre le drammatiche vicende della Siria, in primis, ma anche l’onda integralista che cresce in   Egitto li vede in prima linea come  candidati all’esodo dalle loro terre natali che, non dimentichiamolo, sono state le terre dove la fede cristiana ha visto le sue origini, dall’Egitto che ha dato rifugio a Cristo bambino, alla Palestina e al Libano che ne hanno visto la predicazione e la resurrezione, alla Siria che vide la conversione di S. Paolo, all’Armenia  che vide la prima conversione di una intera nazione.


Come altre minoranze nel mondo, i cristiani mediorientali sono stati i primi a soffrire ogniqualvolta i loro paesi sono stati invasi da forze straniere o devastati da conflitti interni, e sono fra coloro che sono più colpiti in tempi di crisi economica.


Più della metà degli 800.000 cristiani che risiedevano in Iraq prima dell’invasione americana del 2003 è fuggita. Tantissimi cristiani palestinesi, come i loro concittadini musulmani, sono stati cacciati dalla loro patria, e coloro che sono rimasti sono costretti a sopportare le difficoltà fisiche ed economiche della vita sotto l’occupazione israeliana. Decine di migliaia di cristiani libanesi sono fuggiti dai molteplici conflitti del loro paese, o hanno lasciato la loro patria per inseguire migliori opportunità economiche. Allo stesso modo,la Giordania ha perso circa il 20% dei suoi cristiani, sebbene la comunità cristiana giordana goda dei pieni diritti e dell’appoggio ufficiale delle autorità. E oggi tocca alle variegate comunità cristiane della Siria, ivi compresa quella caldea già profuga,  valutare, nella disperazione, la dolorosa ipotesi di fuggire dalle propria terra.


Le conseguenze di questo massiccio esodo di esseri umani dalla regione si estendono molto al di là dell’ambito religioso. Tra le fila di questi rifugiati figurano alcuni tra i professionisti più istruiti del Medio Oriente, e la loro assenza ha contribuito al declino economico dei paesi che hanno abbandonato. Inoltre, l’emigrazione dei talenti accresce le possibilità di futura instabilità, rendendo il problema della fuga dei cervelli e dei conflitti una questione ciclica e ricorrente.


La Chiesa da sempre con le parole del Papa, dei patriarchi, dei presuli e dei pastori orientali,  incoraggia i cristiani rimasti a perseverare, a dispetto delle continue difficoltà che essi devono affrontare. Ma, ciò per cui più soffrono i nostri fratelli del Levante è l’impressione che noi  cristiani d’occidente ci siamo dimenticati di loro, che anzi siamo solidali coi loro persecutori e con coloro che ne rendono drammatica l’esistenza. Questo traspare dagli accorati appelli che ci vengono dai nostri fratelli orientali per bocca dei loro patriarchi,tanto che sua Eminenza Bechara Boutrus Rai, patriarca di Antiochia dei Maroniti,ha ritenuto di farne oggetto di discussione, con un documento distribuito aicardinali elettori, nelle congregazioni per il conclave.


 Perciò dal nostro circolo è partita l’idea (subito raccolta da realtà cattoliche di varie regioni italiane) di costituire un osservatorio sulle condizioni dei cristiani nel medio oriente,per cercare di rompere la congiura del silenzio e promuovere, nei cristiani e negli uomini di buona volontà del nostro paese,  la consapevolezza che le soluzioni richieste per far sì che questa comunità minoritaria non abbandoni i propri paesi di origine sono rimedi che andrebbero a beneficio di tutti i popoli della regione:la risoluzione dei conflitti, il raggiungimento della pace, e lo sviluppo economico.


Massimo Granata


AVVISO IMPORTANTE


vediamoci sabato 13 alle ore 17 presso il salone del Millenario in Piazza Duomo 72 a Voghera. Discuteremo di politica e del come dare vita da un movimento di solidarietà tra i cittadini schiacciati in una morsa tra lo Stato e la criminalità


 





Indirizzo email: info@appunti.ru

Contatore visite: 592.808