lunedì 17 aprile 2023
Cultura e società
Norimberga
Versione moderna di Guernica

Immaginatelo appeso in una galleria di arte moderna,in orizzontale o in verticale,o come volete voi;non sfigurerebbe affatto con le altre opere in mostra. E si,perché il vantaggio della pittura astratta è che ognuno vi può vedere ciò che vuole,e così quello che agli occhi di qualcuno appare come il tormento interiore dell'autore ad una mente meno sensibile può ricordare le macchie di unto della grigliata della domenica.



Questo,però,non è un quadro: è un grafico dell'Istituto Superiore di Sanità,e parlando di statistica non riesce ad appassionare gli animi ed a muovere i sentimenti. La statistica è scienza di numeri,ed i numeri sono freddi,asettici,implacabili;coi numeri non puoi immaginare,non puoi fare voli di fantasia,i numeri ti incatenano a loro,sono qualcosa che si può solo verificare ed accettare.



Io,però,un titolo glielo darei lo stesso,come si fa con i quadri:lo chiamerei Norimberga,perché è al processo di Norimberga che ho pensato quando l'ho esaminato.



Questo grafico crudo,implacabile,inattaccabile,illustra il numero dei morti,mese per mese,nel corso di quattro specifici anni. Non ci vuole un genio matematico per capire che nello scorso anno abbiamo assistito ad un aumento inspiegabile dei decessi,con un picco,a fine anno,di più del 30% della norma. Qualcosa è successo,qualcuno deve dirci cosa.



Nel corso dei mesi i media di Regime ci hanno propinato una serie di cretinate che hanno spalancato le porte dell'assurdo, e una volta spalancate quelle porte può passare di tutto,non c'è più limite a nulla.



Un esempio da Repubblica:” Quando troppo sport fa male:può aumentare le placche sulle arterie:” Dopo decenni in cui ci siamo sentiti raccontare che le placche sulle arterie sono causate da fumo,ipercolesterolemia e ipertensione ora scopriamo che abbiamo abbandonato la via della salute per morire di quella attività fisica che ci è sempre stata consigliata. Sempre dalla stessa testata:”Spalare la neve con troppo vigore mette a rischio il cuore.” A parte che qualsiasi attività esercitata con troppo vigore mette a rischio il cuore,l'inverno scorso,anche volendolo fare il più pericolosamente possibile,di neve da spalare non ne abbiamo avuta,di morti in eccesso si. E ancora:”Cuore a rischio d'inverno...così il freddo può diventare un nemico.” Ma ce n'è una anche per l'estate:”Mille morti al giorno nel mondo attribuiti al clima torrido.” Vero,ma noi,ogni estate,beviamo molta acqua,mangiamo tanta frutta e verdura e non usciamo nelle ore calde,come ci insegnano al TG,dunque se qualcuno muore non si può incolpare il caldo.



Nomen Omen,il Mattino non si smentisce:”Dormire troppo fa male:dieci ore di sonno al giorno aumentano il rischio di morte prematura nel 30% dei casi.” Dunque il mattino magari non avrà l'oro in bocca ma almeno è un toccasana per la salute,e allora tutti giù dal letto di buon'ora.



E si potrebbe andare avanti all'infinito,a patto di avere lo stomaco forte o uno spiccato senso dell'umorismo;nemmeno il Male ed il Vernacoliere erano mai arrivati a tanto.



Ora,sul fatto che in Italia ci sia il dominio mediatico della Stampa Service Spazzatura penso siamo tutti d'accordo;pensavo,però,che almeno quella medica specialistica si sarebbe mantenuta,pur nel suo servilismo,ad un livello seppur minimo di dignità. Devo dire che una lettura veloce dei titoli delle riviste on line che trovo sulla mia posta elettronica la do sempre,ma molto superficiale e prendendo comunque le notizie con riserva. Qualche giorno or sono,però,mi sono soffermato su un articolo che trattava un argomento particolarmente interessante:forse non tutti ne sono al corrente ma l'inizio della campagna vaccinale ha coinciso con la comparsa di tutta una serie di patologie a carico del fegato nella popolazione pediatrica,con diversi gradi di gravità,fino ad arrivare al trapianto di organo o,purtroppo,alla morte. Secondo quanto si leggeva nell'articolo da tre studi effettuati da tre diversi ospedali si evince che la causa di questi quadri patologici sia da attribuire alla presenza di un virus circolante,di per sé non patogeno,ma capace di fare da apripista ad un mix di virus stagionali molto aggressivi.



Ora,premesso che vorrei sapere da dove arrivano questi virus e come mai non si siano mai visti prima,o,nel caso fossero virus stagionali comuni,come mai prima non abbiano mai causato patologie di questo tipo,ho comunque ritenuto doveroso,a questo punto,non ridere sulla cosa,ma esporre garbatamente ed educatamente il mio pensiero scrivendo alla rivista in questione. E appunto educatamente e garbatamente ho fatto presente che a questa storiella del mix di virus capitanati dal virus innocuo non riuscivo proprio a crederci,per rispetto alla mia dignità ed intelligenza. Chiedevo invece cortesemente se fosse possibile sapere,all'interno dei pazienti presi in esame,quale fosse la percentuale di vaccinati e di non vaccinati. Al momento attuale non ho ancora ricevuto risposta ma penso che la mia richiesta non sarà soddisfatta.



Ho fatto ciò non perché io sia un complottista,sono ben lontano da certe posizioni,ma solo perché la variabile vaccinato/non vaccinato sembra assolutamente non essere presa in considerazione in nessuna delle patologie per le quali si è rilevato un incremento anomalo,né in presenza di malattie inconsuete alle quali non si riesce a dare una spiegazione. Va detto,a questo proposito,che uno studio condotto su un gruppo di pazienti neurologici che presentavano sintomi o sindromi insoliti ha rilevato che,pur non potendo spiegare scientificamente l'eziopatogenesi di questi disturbi,tuttavia il dato più evidente era che il 100% dei pazienti era vaccinato.



“La verità mi fa male,lo so”,cantava Caterina Caselli negli anni 60. Oggi la Verità sembra fare davvero male; titola un articolo in seconda pagina:”Nuovo rapporto sui morti in eccesso,si tirino fuori i dati sui vaccinati.”



Però, proprio mentre sembra, e dico sembra,che vi sia un cenno di volontà politica di far luce su quanto è successo in questi ultimi tre anni, il Gran Traditore, colui che Cocito attende, cerca di ostacolare il corso della giustizia.



 



“Partito con padane vesti indosso



lui solo agnello in mezzo a crude fiere



saltò con grande balzo il nero fosso



per farsi bieco servo del Potere,



lasciando a ogni elettor l'animo scosso



e forte ardor di fiamme nel sedere:”



(Anonimo padano)



 



Si è aperto uno spiraglio,approfittiamone.



 



 



Claudio Pretari




domenica 23 aprile 2023
grande!

Indirizzo email: info@appunti.ru

Contatore visite: 707.637