domenica 19 novembre 2017
Politica e economia
NON SIAMO PIU’ PADRONI DI FARE BENEFICENZA A CHI VOGLIAMO?
Casapound regala generi alimentari agli italiani indigenti? Allarme, è corruzione elettorale!

 



 



 



 



E’ noto che il movimento Casapound di Ostia ormai da tempo si occupa concretamente di aiutare famiglie e persone in cattive acque dal punto di vista economico e lo fa in vari modi, per esempio difendendo anziani e disabili dagli sfratti o promuovendo vere e proprie collette alimentari alle uscite dei supermercati. Unica caratteristica distintiva dell’attività del movimento è che i beneficiari sono tutti cittadini italiani. Eh sì, guarda caso c’è qualcuno che individua veramente il “suo prossimo” con chi gli è prossimo davvero, vicini di casa, compaesani, concittadini, connazionali. E’ ovvio che una tale attività, peraltro ripetuta nel tempo e diventata abitudine consolidata non possa che portare beneficio anche al benefattore che si guadagna la dovuta riconoscenza sia da chi fruisce direttamente dei suoi servizi, sia da chi comunque non necessitandone, la approva, magari contribuisce e simpatizza per i giovani volontari.

Ovvio anche che in una società che non vuole vedere altro che tragedie mediterranee, immigrati discriminati, scaraventati fuori dagli autobus (poverini non hanno i soldi per il biglietto) e che di norma persegue l’onesto e difende il disonesto, la cosa cominci a dare fastidio. O fare paura. Come osano questi fascisti razzisti farsi belli con gli elettori distribuendo cibo e bevande gratis?

Ecco la domanda che deve essersi posta l’onorevole Alessia Morani, PD manco a dirlo, e che ha provocato la sua indignata reazione. La Morani infatti ha depositato un'interrogazione al Ministero degli Interni in cui dichiara che la consegna di pacchi alimentari da parte di Casapound a Ostia è corruzione elettorale. Udite udite, ci sarebbe da ridere se non venissero subito in mente tristi considerazioni su quanto possano essere sconfinate e svergognate l’arroganza e la tracotanza del potere.

Certo deve aver dato fastidio il 9 e rotti per cento raggiunto da Casapound nell’Ostiense, né si può negare che il risultato sia anche frutto del lavoro gratuito che i militanti svolgono a favore di circa 250 famiglie italiane, ma da qui a paragonare una colletta alimentare, per quanto “recidiva” a una compravendita di consensi elettorali ne passa. Tant’è, la suddetta onorevole auspica un intervento della Magistratura magari volto a sequestrare qualche sacchetto di derrate alimentari…

Certo deve dare fastidio che la sinistra abbia perso (se mai nella testa bacata di qualcuno l’avesse mai avuto) il monopolio dell’interesse per i problemi delle classi meno abbienti, ma che addirittura venga soppiantata in questo dagli odiati fascisti, eh no, questo è troppo. E poi proprio adesso che la Chiesa non dà più alcun fastidio, si occupa dei “migranti”, degli omosessuali, apre porte e finestre a chicchessia, cristiano o meno.

Probabilmente Alessia Morani deve essere stata designata da qualche organo del suo partito a fare la portavoce delle uscite infelici, è di circa un anno fa infatti la sua ultima esternazione televisiva nella quale consigliava un’anziana in difficoltà a richiedere un prestito ipotecando la propria casa, mettendosi di fatto nelle mani delle banche. A prescindere dalla portata delle considerazioni etiche su una simile enormità, è evidente anche una “scarsa preparazione” del soggetto in merito alla cultura finanziaria. Immaginate infatti quale banca potrebbe concedere un mutuo a un ottantenne che vive con 500€ di pensione…voglio dire: le rate con cosa le paga? E quanto costa la polizza sulla vita collegata al mutuo?

La verità è che dietro alla triste esternazione della Morani, esempio classico di isterismo politico, si cela la paura di una classe politica che ha giocato le sue ultime carte. La maschera è stata gettata. Il mostro ha palesato il suo volto anche a chi non lo ha mai voluto vedere. Pensioni, Sanità, Giustizia, servizi al cittadino, tutto è stato depredato e svuotato a vantaggio della élite oligarchica che ci governa di fatto e dei suoi futuri servi fedeli: gli immigrati. Lo Ius Soli altro non è che l’anticamera del voto agli immigrati, gli unici oramai cha avrebbero qualche vantaggio da un ulteriore governo di sinistra. Gli italiani se li sono giocati tutti tranne lo zoccolo duro stile PCI. Se però la reazione viene catalizzata da Casapuond anzichè dai Pentastellati…se il sindacato del popolo sono i “fascisti del terzo millennio”…forse hanno sbagliato qualcosa?

Fabio Dalla Vedova




Indirizzo email: info@appunti.ru

Contatore visite: 476.195